Get Help
Get Help

LET US HELP YOU

Get started

English, French or Spanish :)


HELP YOURSELF

Our helpdesk

Our help portal is packed with useful information from FAQs to helpful articles.


Happy to help and have a great day!

SE
SHIP TO
Sweden
  • Australia
  • Austria
  • Belgium
  • Brazil
  • Canada
  • Croatia
  • Czech Republic
  • Denmark
  • Estonia
  • Finland
  • France
  • Germany
  • Greece
  • Hong Kong
  • Hungary
  • India
  • Ireland
  • Israel
  • Italy
  • Japan
  • Latvia
  • Lithuania
  • Luxembourg
  • Mexico
  • Netherlands
  • New Zealand
  • Norway
  • Poland
  • Portugal
  • Saudi Arabia
  • Singapore
  • Slovakia
  • Slovenia
  • Spain
  • Sweden
  • Switzerland
  • United Arab Emirates
  • United Kingdom of Great Britain and Northern Ireland
  • United States of America
  • Russia
  • Rest of World
LANGUAGE
English
  • English
  • Deutsch
  • Swedish
  • Español
  • Français
  • Italiano
CURRENCY: $ / USD

May we suggest…

Your bag

There are no items in your cart.

Total before discount: $0.00 USD
Total $0.00 USD

13779 reviews
100% secure checkout
B-Corp certified
100% secure checkout
B-Corp certified


Cos'è il cibo spedito per via aerea e quanto incide sull'ambiente?

I chilometri alimentari sono un concetto relativamente nuovo, ma sempre più diffuso. In pratica, rappresentano la distanza percorsa da un alimento per raggiungere le nostre cucine. Al giorno d'oggi la maggior parte dei prodotti alimentari, anche quelli stagionali, sono disponibili tutto l'anno.

Ciò significa che vengono trasportati su lunghe distanze, spesso per via aerea, il che contribuisce alle emissioni di CO2. I chilometri alimentari sono uno strumento che consente ai consumatori responsabili di fare scelte alimentari che tengano conto dell'ambiente.

Come calcolare l'impronta alimentare

Calcolare la propria impronta alimentare è piuttosto semplice, in realtà.

Basta conoscere la distanza percorsa dal cibo per viaggiare dal produttore al consumatore. Moltiplicate questa distanza per il peso e per il consumo di CO2 del mezzo di trasporto usato e otterrete le emissioni totali di anidride carbonica prodotte da quell'alimento. Dopodiché. potete iniziare a fare confronti.


Per esempio, 1 kg di carne bovina argentina, trasportata da Buenos Aires a Stoccolma, percorrerà circa 12.500 km e produrrà 6,3 kg di emissioni di CO2.


Se invece la carne bovina viene prodotta localmente, il chilometraggio alimentare sarà probabilmente inferiore a 100 km, rendendone possibile il trasporto su camion, e producendo così emissioni molto più basse.


Image of food

Tipi di alimenti trasportati per via aerea

Molti alimenti possono essere trasportati per via aerea o prodotti localmente, a seconda del periodo dell'anno e del luogo in cui ci si trova.
Ecco un elenco di alcuni prodotti alimentari che vengono comunemente trasportati in aereo, ma ci saranno naturalmente eccezioni, quindi domandate sempre o controllare l'etichetta per essere sicuri:

  • Asparagi
  • Taccole
  • Tonno fresco
  • Frutta esotica e insolita
  • Aragosta fresca
  • Carne bovina fresca
  • Agnello fresco
  • Avocado

Gli asparagi sono sostenibili?

L'asparago è coltivato localmente in tutta Europa ed è disponibile in primavera. Per il resto dell'anno, deve essere importato per via aerea, solitamente dal Perù, percorrendo moltissimi chilometri.

L'asparago coltivato localmente è sostenibile, ma è una prelibatezza stagionale e deve essere trattato come tale. Il chilometraggio alimentare per gli asparagi importati dal Perù all'Europa supera gli 11.000 km.


Le taccole sono sostenibili?

Le taccole sono prodotte in gran parte dell'Europa e durante l'estate si possono trovare piselli freschi prodotti localmente.

In inverno, dovrete comprarli congelati o importati per via aerea dall'Africa o, peggio ancora, dal Sud America, con un'enorme costo in termini di emissioni di CO2.


Le bacche fresche sono sostenibili?

I frutti di bosco freschi vengono coltivati in Europa ogni primavera ed estate. Sono fantastici, ma anche stagionali, per cui si consiglia di comprarli nel periodo giusto.

In inverno è comunque possibile trovare bacche surgelate con un basso chilometraggio alimentare.


La carne bovina è sostenibile?

Poiché stiamo parlando di chilometraggio alimentare, tralasceremo il discorso più ampio sulla sostenibilità della carne bovina. Quando si tratta di carne bovina, il chilometraggio alimentare dipende solo da voi.

Carne bovina con un basso chilometraggio alimentare è disponibile tutto l'anno nella maggior parte delle località, ma c'è anche carne importata da tutto il mondo.


Potete mangiare carne di manzo in tutte le stagioni, basterà guardare l'etichetta per assicurarvi che non provenga dall'altra parte del pianeta.


L'aragosta fresca è sostenibile?

L'aragosta fresca è una prelibatezza rara. O meglio, lo era. Oggi è facilmente reperibile, per lo più importata per via aerea dal Nord America.

Se volete un'aragosta fresca e sostenibile, tenete d'occhio le produzioni locali.


Il tonno fresco è sostenibile?

No. Se è fresco, il tonno sarà sicuramente stato trasportato in Europa in aereo, con un elevato chilometraggio alimentare. Il discorso è un po' diverso per il tonno congelato: il chilometraggio è comunque elevato, ma essendo congelato sarà sicuramente importato via mare, con un costo di CO2 molto più basso.

In sintesi

I chilometri alimentari sono uno strumento molto utile per qualunque consumatore attento all'ambiente che voglia fare scelte informate su cosa mangiare e cosa evitare. La quantità e la selezione di prodotti alimentari eco-compatibili sono in costante aumento, il che rende più facile fare buone scelte.

Purtroppo, molti di questi prodotti hanno un elevato chilometraggio alimentare, il che li rende dannosi per l'ambiente e, dopo tutto, non così ecologici. Per il consumatore attento all'ambiente, trovare alimenti ecologici può essere un po' difficile se si tiene conto del chilometraggio, ma guardando al passato si possono trovare altre soluzioni.


In passato, prima della diffusione dei moderni mezzi di trasporto aereo e marittimo, la gente era abituata ad adattare le proprie abitudini alimentari alla produzione locale e all'avvicendarsi delle stagioni. Bisogna tornare a mangiare così.


Potete sempre mangiare cibo proveniente da tutto il mondo, ma se volete ridurre la vostra impronta alimentare, non potete aspettarvi di mangiare tutto ciò che desiderate, ogni giorno, indipendentemente dal periodo dell'anno.


Dovete fare una scelta. I chilometri alimentari vi aiuteranno a renderla intelligente e informata.


Italiano