Get help
Get help

LET US HELP YOU

Get started

English, French or Spanish :)


HELP YOURSELF

Our helpdesk

Our help portal is packed with useful information from FAQs to helpful articles.


Happy to help! Shipping to UK can be delayed due to Covid-19

Shopping from: Sweden
CURRENCY
Euro
  • £ British Pound
  • $ US Dollars
  • Euro
  • $ Canadian Dollar
  • kr Danish krone
  • kr Swedish Krone
  • $ Australian Dollar
  • $ Hong Kong Dollar
  • ¥ Japanese Yen
  • $ New Zealand Dollar
  • $ Singapore Dollar
  • $ Argentine Peso
  • R$ Brazilian Real
  • kr Norwegian Krone
  • SR Saudi Riyal
  • د.إ UAE Dirham
  • Fr Swiss Franc
SHIP TO
Sweden
    LANGUAGE
    English
    • English
    • Deutsche
    • Español
    • Français
    • Italiano

    May we suggest…

    Your bag

    There are no items in your cart.

    Total before discount: $0.00 USD
    Total $0.00 USD

    5895 reviews
    100% secure checkout
    B-Corp certified
    The Toilet Paper Factory

    La fabbrica di carta igienica

    Production
    kg CO2
    Shipping
    kg CO2
    Climate-Compensated
    kg CO2
    Total
    0kg CO2

    Lo sapevate che usiamo 127 rotoli di carta igienica per persona all'anno? E che solo il 30% della popolazione mondiale usa regolarmente la carta igienica? Si tratta di un mercato da 30 miliardi di euro all'anno.

    Questo ha attirato la nostra attenzione.

    Pensavamo che tutti stessero facendo del proprio meglio per gestire responsabilmente l'impatto ambientale di questo massiccio consumo. Gli spot pubblicitari mostravano pecore che rimbalzano felici su montagne di morbida carta igienica.

    E invece.

    Gli interessi economici spesso hanno la meglio, e si è scoperto che l'industria della carta igienica è una delle peggiori in circolazione per la produzione di oggetti di uso quotidiano; non solo per l'ambiente, ma anche per la salute delle persone.

    Cominciamo dall'aspetto industriale.

    Uno studio di Ethical Consumerha rilevato che i principali produttori utilizzano meno carta riciclata rispetto al 2011, mentre solo cinque dei nove principali supermercati del Regno Unito offrono carta igienica riciclata a marchio proprio.

    L'uso su larga scala di carta vergine contribuisce a un inutile ed esteso disboscamento. Lo studio segnala Kimberly-Clark come uno dei peggiori produttori. La percentuale di carta riciclata utilizzata dall'azienda è diminuita nel corso degli anni. Nel 2011, poco meno del 30% sul totale della fibra utilizzata è stata riciclata, ma nel 2017 la percentuale era scesa al 23,5% e per il 2019 sarà inferiore al 20%.

    La maggior parte delle confezioni di carta igienica sfoggia il marchio FSC Misto; a molti di voi sarà capitato di vederne il logo. Il marchio FSC indica che la carta è composta da un mix di legno vergine certificato dal Forest Stewardship Council, legno riciclato e legno vergine proveniente da "fonti controllate". Queste ultime non sono foreste certificate FSC, ma sono considerate "a basso rischio", qualunque cosa significhi. D'altronde, anche "fonti controllate" è un'espressione vaga che non fornisce ulteriori informazioni.

    Come si fa la tradizionale carta igienica a base di cellulosa?

    Per fare la carta vengono abbattute foreste secolari e molta acqua viene sprecata per pulire e preparare la pasta di legno, senza contare i costi energetici di produzione e trasporto. Nel processo di produzione sono coinvolte anche diverse sostanze chimiche che contribuiscono all'impatto ambientale negativo della carta igienica. Per candeggiare la pasta di cellulosa si usa il cloro , che rende la carta igienica bianca e più morbida, e inquina gravemente le fonti d'acqua locali.

    Ecco i dati che ci hanno fatto decidere di dedicarci alla produzione di carta igienica:

    • 27.000 alberi vengono abbattuti ogni giorno (e ogni albero fornisce aria pulita a 2 persone per 20 anni).
    • Per produrre ogni singolo rotolo vengono usati 140 litri d'acqua.
    E non finisce qui. Nella carta igienica riciclata sono state trovate grandi quantità di BPA.

    Come l'abbiamo trovata

    Il nostro team di sourcing ha viaggiato su un treno veloce da Hong Kong alla Cina continentale alla ricerca di una fabbrica di carta di bambù. In alcuni ambienti, l'industria cinese ha una reputazione ingiusta.

    Contrariamente ai pregiudizi più diffusi, molte fabbriche sono molto moderne ed efficienti e, cosa fondamentale, nella Cina continentale il bambù cresce naturalmente.



    La fabbrica di carta igienica si trova a Chishui, nella provincia di Guizhou. Le montagne al confine di questa provincia sono state identificate come uno degli otto principali centri di diversità vegetale della Cina. I principali tipi di ecosistema sono la foresta sempreverde di latifoglie, la foresta mista di conifere e latifoglie e la foresta nana di montagna. A queste si aggiungano foreste di bambù che non sono state piantate su terreni deforestati, ma crescono spontaneamente in quell'area da migliaia di anni.

    La più forte garanzia che il bambù sia prodotto in modo sostenibile è che sia certificato FSC. Il marchio FSC Bambù garantisce non solo la sostenibilità ambientale, ma anche il rispetto delle convenzioni fondamentali dell'Organizzazione Internazionale del Lavoro, e pertanto il rispetto dei diritti fondamentali dei lavoratori.

    Era un'occasione da non perdere.


    Processo e lavorazione

    Il processo di produzione della carta igienica di bambù è abbastanza semplice. Gli alberi di bambù vengono trasformati in pasta e poi pressati in grossi rotoli di carta, successivamente divisi in rotoli più piccoli. La produzione non prevede uso di candeggina e le acque reflue vengono trattate in un sistema a circuito chiuso.

    Una Buona Carta igienica ci ha permesso di introdurre importanti innovazioni:

    • Abbiamo sostituito la carta di cellulosa con carta di bambù.
    • Abbiamo eliminato gli imballaggi in plastica: i rotoli sono imballati singolarmente con carta di bambù. 0% plastica, per un progetto più sostenibile.

    La gestione

    La fabbrica di carta igienica è stata fondata nel 2001. Ha 61 dipendenti che ricevono un salario equo. Si tratta di un'azienda a conduzione familiare e ci siamo incontrati l'ultima volta a maggio 2019.

    Dati

    • Località: Guizhou, Cina
    • Fondazione: 2001
    • Numero di dipendenti: 61
    • Certificati: ISO 14001, FSC Bambù 100%, MSDS
    • Orari di apertura: 08-16
    • Turni: Uno
    • Elettricità: Energia idroelettrica
    • Ispezione effettuata: Sì, agosto 2019
    • Codice etico firmato: Sì



    More of I nostri fornitori